AAA Artigiani Artisti Arance
Commenta

AAA Artigiani Artisti Arance

(se esistesse un rating per le manifestazioni più belle del modo, AAA sarebbe anche il punteggio assegnato allo Storico Carnevale di Ivrea)

Sostieni anche tu il progetto clicca: Crowdfunding

 


Se camminando per le vie della città nei giorni di carnevale, per un attimo, ti concentri sui dettagli, senza farti travolgere dall'atmosfera incredibile di gioia e festa che invade Ivrea la Bella, potrai vedere cose mirabolanti, “maschere” uniche al mondo, “addobbi” che, guai a sminuirli così, si chiamano Finimenti e rendono i cavalli maestosi ed eleganti, non solo quelli montati dai personaggi, ma anche quelli che entrano in battaglia, nelle piazze, in mezzo alla Pauta (un misto di arance, sabbia e... si, cacca di cavallo). I dettagli, dicevamo, si possono scorgere per le vie della città: nelle vetrine dei Mastri Orafi con i gioielli di loro creazione, ma anche costumi, dalle più “semplici” divise degli aranceri agli abiti della Vezzosa Mugnaia e dello Stato Maggiore, potrete anche ammirare i carri da Getto con le loro livree realizzate da artisti sempre più legati al carnevale e, se ascoltate bene, potrete udire riecheggiare, per tutta la città, il suono di Pifferi e Tamburi, la colonna sonora del Carlvè! 
Dettagli. Tanti. Quelli descritti sono solo alcuni ed ognuno di loro ha la propria storia, i propri segreti ma soprattutto i suoi Realizzatori, artigiani e artisti unici al mondo.

AAA racconta le storie degli artigiani e degli artisti che dedicano la loro vita al saper fare, impegnato e competente, personale e tradizionale, ma anche creativo e innovativo.

Con sguardo discreto e curioso l'autore e fotografo Virgilio Ardy ha portato alla luce alcune storie dei luoghi nascosti, delle attività che si celano dietro i dettagli dello Storico Carnevale di Ivrea 
Incontriamo così le sarte che realizzano gli abiti della Vezzosa Mugnaia e del Generale, il liutaio che realizza il Piffero Canavesano, lo strumento principe del Carnevale, i mastri sellai che realizzano i finimenti dei cavalli, artigiani unici al mondo a cui risulta difficile dare un nome e che realizzano le “Maschere” veri e propri elmi da battaglia che devono resistere a centinaia di arance scagliate con forza, i mastri orafi che realizzano gioielli unici dedicati al Carnevale e infine, ma solo per il momento, gli artisti che con le loro creazioni rendono i Carri da getto delle vere e proprie opere d'arte. 
I calli delle loro mani ci parlano di un lavoro dietro le quinte e di una fatica gratificante. I loro movimenti lenti sono guidati da uno sguardo attento ai dettagli. I loro gesti e le loro parole ci trasportano in un mondo dal ritmo cadenzato e consapevole, per riproporre un Carnevale sempre uguale nelle sue radici e sempre nuovo nella sua espressione.

 

Nota d'intenti dell'autore

Il lavoro AAA nasce, a metà del 2016, dall'idea di valorizzare il territorio Canavesano attraverso la sua espressione Artigiana ed Artistica di eccellenza mondiale, basti pensare alla Regina d'Inghilterra che ha scelto i mastri sellai Moirano per far restaurare alcune delle sue carrozze. Per fare questo l'autore ha scelto come filo conduttore la sua manifestazione più conosciuta, lo Storico Carnevale di Ivrea, che con i suoi oltre 200 anni di storia, unisce in un unico grande evento l'intero territorio Canavesano con una passione che arde sotto la brace tutto l'anno e che divampa nei giorni di Festa.

Le fotografie sono scattate con tempi di posa “slow” per enfatizzare la poesia dei movimenti, rispettare la naturalezza dello sguardo, senza immobilizzare la danza che gli artigiani compiono per plasmare la materia e con un grandangolo da 24mm per entrare letteralmente dentro le botteghe e i laboratori di questi maestri. La scelta del bianco e nero vuole anche sottolineare la storicità dei gesti trasportando lo spettatore in un tempo indefinito fatto di tradizione e passione.

l progetto vede inoltre coinvolte diverse figure come la giornalista Paola Montanaro che si occuperà delle interviste e della stesura dei testi, la storyteller Elena Bona che svilupperà la piattaforma del WebDoc e che sarà anche la “regista” del progetto, dando una forma ed un ordine a tutto il materiale che verrà sviluppato.

Restano ancora da individuare alcune figure professionali per la realizzazione ed il montaggio della parte video.

 

L'autore

Virgilio Ardy, classe 1980, è nato a Ivrea e vive a Torino.

Appassionato di fotografia da sempre, tanto da essere riuscito a farla diventare la sua professione. Ha approfondito la sua formazione tecnica e artistica, oltre che attraverso l'esperienza lavorativa, collaborando con diversi fotografi tra cui il maestro e amico Stefano Venturini , con il quale collabora attualmente, e frequentando workshop di professionisti comeErnesto Bazan Efrem Raimondi Marianna Santoni . Con quest'ultima, dal 2016, realizza un workshop fotografico proprio sul Carnevale con il patrocinio della Fondazione dello Storico Carnevale di Ivrea.

Ha svolto l'attività di agente di commercio e di docente per la formazione del personale in aula e on-line su piattaforme e-learning; due esperienze che gli hanno permesso di sviluppare una spiccata capacità organizzativa e di interazione con le persone. 
Attualmente realizza servizi fotografici spaziando da quelli aziendali a quelli sportivi, a quelli di cerimonia.

Nel 2012 è diventato fotografo certificato di Google Maps Street View. 
Organizza workshop di approfondimento delle tecniche fotografiche tra le quali, quello già citato in precedenza sullo Storico Carnevale di Ivrea che, dall'edizione 2016, vede la compartecipazione di Marianna Santoni, ma anche quello a tematica paesaggistica che realizza tutti gli anni, a fine ottobre, nelle Langhe. 
La sua grande passione resta la fotografia di viaggio: tra i suoi lavori spiccano due suggestivi viaggi in Islanda e Scozia .

Obiettivi

Il progetto si propone di fare un viaggio alla scoperta dei maestri che contribuiscono ogni anno alla riuscita dello Storico Carnevale di Ivrea e che ne alimentano la tradizione, attraverso il racconto delle storie di vita delle eccellenze artigiane ed artistiche. Il lavoro prevede la realizzazione di fotografie e video con l'intento di produrre:

- una mostra fotografica con lo scopo di divulgare il progetto e coinvolgere sempre più soggetti

- un libro fotografico accompagnato dalle storie di vita degli artigiani e degli artisti coinvolti

- un webdocumantario che coniuga fotografia, video e musica per portarci alla scoperta delle storie e delle tradizioni dei mestieri 
legati al Carnevale.

Se anche tu vuoi far parte degli artigiani presenti nel progetto e raccontare la tua storia di vita, invia una mail a virgilio@ardyphoto.com e proponiti come personaggio del libro fotografico e del webdocumentario!

 

Stadio di sviluppo del progetto

Il progetto raggiungerà il suo primo traguardo a fine febbraio 2019 con l'esposizione di una mostra fotografica in occasione del Carnevale presso lo spazio Dakotart (via Arduino 99 a Ivrea), con l'obiettivo di coinvolgere la popolazione locale e il maggior numero possibile di Artigiani e Artisti che operano sul territorio e legati al Carnevale.

Il lavoro ha ottenuto i patrocini di: 
AFIP e CNA Torino


Un ringraziamento speciale per la collaborazione e il sostegno alla società Tecnos

 


Data post: 27 Febbraio 2019